Tutti i sapori delle Feste:

gli abbinamenti da non perdere!

I Colli Bolognesi propongono un ricco patrimonio enogastronomico famoso in tutto il mondo per la qualità dei suoi prodotti, dei suoi piatti tipici e dei suoi vini. Caratterizzato da una gamma estremamente ampia di terreni e microclimi, questo territorio – dominato dalla coltura della vite - è infatti rinomato per la produzione di vini bianchi e rossi di qualità, tutelati e valorizzati dal Consorzio dei Vini dei Colli Bolognesi.
 

Nel periodo natalizio la tavola si veste “a festa” e in questo articolo - grazie ai consigli degli esperti del Consorzio - potrai scoprire gli abbinamenti ideali tra i vini dei Colli Bolognesi e le ricette tradizionali.
 

Il motto di questo periodo è “Support Your Local Wines”, ovvero supporta e riscopri i vini del tuo territorio. Le cantine dei Colli Bolognesi sono pronte ad accoglierti e portarti direttamente a casa i vini che più ti piacciono. 
 

Prendi le posate e il calice e lasciati ispirare!

1-Pignoletto Classico e Tortellini in brodo
 

Il Pignoletto DOCG è il protagonista indiscusso sulla tavola del Natale. La versione “Classico” è infatti l'ideale compagno del piatto simbolo delle feste: i tortellini in brodo di cappone.
Il Pignoletto è sicuramente uno dei vini bianchi più interessanti della nostra tradizione vinicola, con un carattere tipico che ora è apprezzato in tutta Italia e all'estero. Il suo vitigno è il Grechetto Gentile, conosciuto anche localmente come Alionzina. Con una buccia spessa e grappoli compatti, questa varietà può adattarsi a molti diversi processi di produzione del vino.
Le sue versioni più popolari sono Spumante e Frizzante (frizzanti), Superiore e Classico Superiore (fermo).

 

Il Pignoletto Classico ha un colore giallo paglierino con riflessi che si fanno dorati con l'invecchiamento, profumo intenso, persistente con sentori di mela renetta, nocciola, cannella e miele. Sapore: asciutto, aromatico, intenso con un finale lungo.
 

2- Pignoletto Frizzante e antipasti
 

Il Pignoletto in questa versione risulta gradevolmente frizzante e può essere abbinato a sfiziosi antipasti o a tutto pasto con i piatti di pesce del cenone della Vigilia. Ha un colore giallo paglierino, un gusto delicato di fiori bianchi e albicocca fruttata e pesca, elegante, opportunamente bilanciato con acidità che si armonizza con la struttura fruttata, può essere servito a 6-8 ° C.
Il Pignoletto frizzate può essere inoltre abbinato anche con i tortellini in brodo, in alternativa al Pignoletto Classico.

 

3-Il Bianco Bologna e il Cenone della Vigilia
 

A base Sauvignon, l' aromatico Bianco Bologna è il vino ideale, per accompagnare, a tutto pasto, il cenone della Vigilia. Ideale con primi e secondi piatti di pesce, ma anche con preparazioni a base di uova e verdure.

 

4-Barbera Frizzante… tra lasagne e cotechini


La Barbera sui Colli Bolognesi? Ebbene sì, i Colli Bolognesi sono la principale area di coltivazione della Barbera dopo il Piemonte. La versione frizzante ha un colore rosso rubino tendente al porpora, fine e persistente. Il profumo è vinoso e caratteristico, il sapore asciutto e tannico. Il suo abbinamento “natalizio” ideale è con le lasagne verdi alla Bolognese e con il cotechino.
La versione ferma è rosso rubino brillante con riflessi violacei, il caratteristico profumo di sottobosco ha sentori complessi e speziati. Sapore: asciutto, morbido, delicato, leggermente speziato. L'abbinamento perfetto è con il lesso accompagnato dalle sue gustose salse.
Ricorda: per apprezzare al meglio questo vino ricordati di servire la tipologia frizzante leggermente fresca, a 12-14°C, mentre quella ferma offre il meglio di sé a temperatura ambiente.

 

5-Pignoletto Spumante: abbinamento a sorpresa!
 

Per festeggiamenti “spumeggianti” non possono mancare le “bollicine” del Pignoletto in versione spumante. Uno spumante secco, dal gusto fine ed elegante che ben si abbina alla Viglia con piatti di pesce e con delicati antipasti a base di uova e verdure. Attenzione: se sei tentato di abbinare questo spumante con i dolci… aspetta prima di leggere l'articolo fino in fondo per un suggerimento in più, poiché lo spumante di Pignoletto, completamente secco, senza nemmeno una puntina di dolcezza, non sarebbe proprio il compagno migliore per i dolci!

 

6-Il Rosso Bologna e i grandi secondi


Il Rosso Bologna, nato da una base di uve Cabernet Sauvignon, è un vino rosso dal sapore caldo e persistente che sulla tavola del Natale è il degno abbinamento per succulenti arrosti, cacciagione e formaggi stagionati. Però fai attenzione: prima di scegliere il “tuo” Rosso Bologna assaggia le differenti versioni delle varie cantine! Infatti ogni prodotto può essere “personalizzato” seguendo il
disciplinare di produzione affiancando il Cabernet con altre uve a bacca scura, come ad esempio Merlot e Barbera, regalando sfumature sempre diverse e affascinanti!

 

7-Pignoletto Passito e i dolci della tradizione


Non è festa senza dolce! Concludiamo il pasto con un bicchiere di Pignoletto in versione passito, un ideale abbinamento con il certosino, il panspeziale, la torta di riso, il panettone e con tutti i dolci della tradizione, anche al cucchiaio, come creme all'uovo e mascarpone.

 

…e non finisce qui...
 

I Colli Bolognesi propongono anche altre tipologie che potranno impreziosire di profumi e sapori la tua tavola del Natale o che potranno diventare apprezzati regali per gli amici più cari. Potrai sorprendere i tuoi commensali e gli amici proponendo loro la dolce Malvasia, o vini autoctoni e poco conosciuti come l’Alionza o il rosso Negrettino


Ora non resta che augurarti buone feste e… Prosit!

Gnocco Fritto