Villa Edvige Garagnani, Via Masini 11 a Zola Predosa

Tel. + 39 366 8982707 - info@visitcollibolognesi.it

Lunedì-Mercoledì-Giovedì e Venerdì 9.00-13.00 e 14.00-18.00 / Sabato 9.00-13

Monumenti e luoghi d'interesse

Il territorio dei Colli Bolognesi presenta luoghi ammirabili ed interessanti.Riconosciuti persino dall'UNESCO per la loro importanza ed unicità

Chiusa di Casalecchio

La Chiusa di Casalecchio di Reno è la più antica opera idraulica d'Europa ancora in funzione utilizzata in maniera continua ed ininterrotta, infatti da ottocento anni governa le acque del fiume Reno e attraverso il sistema dei canali fornisce alla città di Bologna e all'intera pianura bolognese quell'energia motrice che ha reso fiorente il territorio.

La chiusa fu costruita nel 1208 e ricostruita nel 1567 su disegno del Vignola (Jacopo Barozzi), ed ancora oggi resta una meravigliosa testimonianza dell'ingegneria idraulica dell'epoca.

 

La Chiusa  è posta quasi alla metà del corso del Reno, cioè ad 83 chilometri dalla sorgente (che è sul Monte delle Piastre, in località Pruneta, a 900 mt slm.) e a 128 chilometri da Torre di Primaro, dove il fiume sfocia in Adriatico.

E' lunga 160.45 m, larga mediamente 35.45 m, con uno sdrucciolo di 34.55 m ed un dislivello di 8.25 m. 

Questo monumento idraulico ha assunto anche un valore simbolico di altrettanta forza ed importanza: alla fine del 2010  è stata infatti inserita nella lista del programma UNESCO 2000-2010 dei Patrimoni Messaggeri di una Cultura di Pace a favore dei Giovani.

Per maggiori informazioni sulla Chiusa e le iniziative legate ad essa si può consultare il sito dei Consorzi dei canali di Reno e Savena a Bologna: www.consorzireno-savena.it/

La Chiusa, essendo legata alla storia di Bologna relativa alla lavorazione della seta, è posta lungo la "Via della lana e della seta" (vedi pagina Itinerari a piedi)

Osservatorio  Felsina

L'Osservatorio Astronomico "Felsina",  sorge in località Cà Antinori nel Comune di Monte San Pietro, tra Medelana e Montepastore, in una posizione stategica da cui si domina tutto il medio Appennino bolognese: verso est si può scorgere la cupola dell'Osservatorio Astronomico di Loiano, mentre a sud sono visibili le grandi eliche del Parco eolico di Monte Galletto e la visuale spazia fino alle cime del Corno alle Scale.

Una posizione privilegiata per l’osservazione del cielo, le attività di ricerca e la pratica dell’astrofotografia.

L'Osservatorio è stato inaugurato il 19 Giugno 1999 ed è gestito dall'Associazione Astrofili Bolognesi che lo aprono al pubblico secondo un calendario annuale. in particolare 

nel periodo estivo per mostrare ad adulti e bambini le meraviglie del cielo.

Per maggiori informazioni sulle attività e gli eventi è possibile consultare il sito dell' Associazione Astrofili Bolognesi (AAB): www.associazioneastrofilibolognesi.it/osservatorio/

Torna ad  Arte e storia